L’Italia che resiste, che tende la mano all’altro, in momenti drammatici, a chi sta rischiando la vita, oggi riceve un premio importante. Il presidente della Repubblica conferisce quaranta onorificenze. Storie di impegno, solidarietà, promozione della cultura e della legalità.

Nominato cavaliere anche Jean Pierre Yvan Sagnet, 31 anni, nato in Camerun, laureato in ingegneria delle comunicazioni e impegnato in prima linea contro lo sfruttamento dei braccianti agricoli. Vice presidente del Cetri-Tires No profit impegnata in processi di democratizzazione dell’energia e sostenibilità sociale  in 14 paesi.

Scrittore di libri autobiografici sulla sua esperienza in prima persona contro il fenomeno della riduzione in schiavitù con i libri “Ama il tuo sogno” e “Ghetto Italia”.

Parte civile e testimone nel primo processo per quelle aziende dell’agroalimentare che utilizzavano il lavoro dei caporali denigrando la dignità di lavoratori stranieri e  italiani.

 

A seguito dell’azione di Sagnet la magistratura fa arrestare sedici persone appartenenti a un’organizzazione criminale attiva tra Rosarno, Nardò e altre città della Puglia. E’ il primo caso in Europa di norme e strumenti efficaci e di istruttoria possibile grazie a queste norme che hanno consentito il  processo per riduzione in schiavitù.

Nell’economia degli esempi Yvan Sagnet C’è.

Le sue prime parole a caldo: “il Presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella mi ha conferito l’onorificenza di ‘Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana’. Ringrazio il Presidente Mattarella e tutti coloro che hanno contribuito e che mi hanno sostenuto in questi anni di lotta”.

Così ci racconta la telefonata biosferica:

– Yvan: “Pronto, chi è?”
– Dall’altra parte: “Parlo con il signor Yvan Sagnet?”
– Yvan: “Sì, sono io. Con chi parlo?”
– Lei: ” Mi chiamo M. B. Sono la segretaria particolare del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.
– Il presidente, che in questi anni ha seguito con grande attenzione le sue battaglie, le conferirà il merito di Cavaliere  dell’Ordine della Repubblica italiana.”
– Yvan :” Woow! Sono molto onorato. Ringrazio il presidente per questo importante riconoscimento.”

 

14359171_10208491482137689_1702248138801297467_n

Il lavoro di Yvan prosegue con un nuovo progetto in fase di sviluppo con tantissimi attivisti impegnati in Europa che stanno elaborando strategie e sistemi per creare una rete  (dal nome NO CAP) di santinelle anti-caporale e di un sistema di certificazione per premiare le aziende che al centro mettono l’individuo e non il profitto…

in fondo  TUTTI ABBIAMO UN CAPORALE DA ABBATTERE ( Cit. Yvan Sagnet )

Pagina Facebook : NO CAP

Pagina Facebook : Yvan Sagnet

SHARE